Perché vicino al mare fa più caldo?

vicino al mare fa più caldo

Tra il clima cittadino e quello delle coste, seppure situate a pochi chilometri di distanza, la differenza di sensazioni può essere sconvolgente: la morbidezza e il sole fanno venire voglia di passeggiare sulle spiagge, e una volta arrivati sulle coste la sensazione è ben diversa.

Perché vicino al mare fa più caldo?

Soprattutto quando l’autunno inizia a lasciare il posto all’inverno, la temperatura dell’aria scende rapidamente nelle zone interne. In mare invece la temperatura non si abbassa così velocemente e rimane stabile, questa è chiamata “inerzia termica dell’acqua“, influendo di fatto anche sul clima delle località che lo costeggiano.

Perché fa più freddo in quota che in riva al mare?

Questa è il quesito che scaturisce appena dopo aver trovato la risposta – seppur parziale – alla domanda precedente.

A prima vista, la logica imporrebbe che in cima a una montagna come l’Everest il clima sarebbe più caldo che in fondo. In effetti, lì siamo più vicini al sole rispetto a quanto lo siamo al livello del mare, vale a dire 8.850 metri più in basso. Ma è tutta una questione di proporzione. Rispetto alla distanza tra noi e il sole (ovvero 150 milioni di chilometri), 8850 metri non sono davvero molti.

Per renderlo più significativo, è come se a 15 metri da una lampada ci si avvicinasse a un millesimo di millimetro. Una differenza insignificante.

Potrebbe interessarti anche:   Perché senza api moriremo?

Ma questo non risponde alla nostra domanda. Quando l’aria calda, più leggera, si alza, dovrebbe logicamente essere più calda in cima a una montagna che in fondo. In realtà, se l’aria calda sale, man mano che sale, incontra un’atmosfera dove la pressione è sempre più debole. Tuttavia, questo calo di pressione rilassa l’aria. E nel rilassamento l’aria si raffredda.

Questo calo della pressione atmosferica fa sì che l’aria si raffreddi di 6,5° C ogni volta che guadagna 1.000 metri di altitudine.

Quindi più la pressione diminuisce, più l’aria si rilassa, e più l’aria si rilassa, più si raffredda. Oltre questa quota, nella stratosfera (tra 12 e 50 km di altitudine), si osserva un fenomeno opposto. La temperatura aumenta con l’altitudine per l’azione degli UV sulle molecole di ossigeno che produce ozono che rilascia calore.

Di conseguenza, nella parte superiore della stratosfera, la temperatura raggiunge gli 0 ° C. Poi di nuovo sopra, nella mesosfera (fino a 80 km), la temperatura diminuisce nuovamente con l’altitudine fino a – 73 ° C. Una volta nella termosfera (fino a 620 km), sale drasticamente, da 300° C a 1600° C a seconda dell’attività del sole.

Was this helpful?

2 /

Lascia un commento 0